21 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > volley
www.polisportivacasciavola.com

olimpiadi: coni e rai, la "casta" si dichiara sod..disfatta!.

16-08-2012 16:24 - volley
Mi ero ripromesso di non parlare dei risultati ottenuti dallo sport italiano nel principale avvenimento sportivo del 2012, le Olimpiadi di Londra; di fronte alle euforiche, e fuori luogo, dichiarazioni del presidente del Coni Petrucci e degli organi direttivi della Rai ho sentito il diritto di dire la mia.

"Siamo nel G8 dello sport.." o "Grande successo di ascolti per Rai 2.." le trovo avventate, depistanti e piene di sola gratuita autoreferenzialità.
La Rai nei suoi promo vantava di aver acquistato 200 ore di diretta delle Olimpiadi.

Non potendomi permettere Sky confidavo sull´Ente pubblico per potermi godere alcune ore il "fresco" spettacolo sportivo per alleviare il peso e la noia di questa lunga e torrida estate.
A consolidare la mia convinzione il 24 luglio l´Ansa pubblicava questa nota:
ROMA - Rai e Sky ´´non interrompano gli eventi sportivi delle Olimpiadi con la pubblicita´´: e´ la diffida del Codacons, che chiede che ´´gli spot siano trasmessi tra un evento sportivo e l´altro, ma non nel bel mezzo di una gara´´. ´´L´azione legale preventiva - spiega l´associazione di consumatori in una nota - si e´ resa necessaria considerato quanto accaduto nel 2004 e nel 2008´´.

La realtà è stata poi ben altra; di diretta poco o niente.

Avvenimenti agonistici continuamente interrotti, e talvolta mai ripresi, dal continuo ed avvilente annuncio "..ora un po´ di pubblicità!"; e andava di lusso se te li riproponevano registrati.

Avvenimenti agonistici interrotti dai ripetitivi e nauseanti "telegiornali" come se non bastassero quelli messi in onda da Rai1 e Rai3 per deprimere ancor di più la gente; ma si sa che i "giochi" politici in Rai non vantano o non possono vantare avversari!

Avvenimenti agonistici che si accavallavano l´uno sull´altro, come si accavallavano le risibili voci dei loro telecronisti, molti dei quali commentavano a distanza e più precisamente dagli studi di Saxa Rubra. Hanno iniziato con il fioretto femminile ed il tiro con l´arco, hanno finito con la boxe ed il taekwondo, la maniera più certa per non farci vedere e capire niente ne dell´una ne dell´altra gara.

Tutto questo quando sui due canali di Raisport venivano riproposti filmati in bianco e nero di remote Domeniche Sportive, partite del calcio che fù o l´indigesto polpettone di vecchi Giri d´Italia o di Francia. Mi piacerebbe conoscere i dati auditel di quelle trasmissioni ma sono certo che sono stati molti di più i "moccoli" degli spettatori incazzati degli spettatori interessati.

Se vuoi godere di Sky volontariamente ti abboni, ma il solo possedere un televisore ti obbliga a pagare il canone Rai, anche se non vuoi usufruire ed assistere alla programmazione di Stato.

E quello offerto dalla Rai lo chiamano ancora "servizio pubblico" senza provare la men che minima VERGOGNA!

"Avevo preventivato 25 medaglie ne sono arrivate 28 e per questo dobbiamo ritenerci soddisfatti" queste le prime dichiarazioni del presidente del Coni Petrucci al termine dei Giochi, seguite poi da un esilarante "Siamo nel G8 dello sport". Petrucci sa benissimo che ogni medaglia ha il proprio "peso specifico" e per controbattere suddette affermazioni mi voglio affidare ai numeri; e non ai miei ma a quelli pubblicati da Blogosfere che ci fanno capire il costo per il Coni (soldi dei contribuenti) di ogni medaglia conquistata o non. Vi consiglio di andare a vedere su:

http://olimpiadi.blogosfere.it/2012/08/olimpiadi-londra-2012-4-milioni-di-euro-allanno-per-una-medaglia-la-scherma-la-piu-virtuosa.html

Io mi limito solo ad evidenziare le Federazioni che ottengono i maggiori contributi Coni ed i negativi risultati ottenuti. Badasi bene, Federazioni di discipline prettamente olimpiche e con grandi numeri di tesserati tali da essere considerati "sport di base".

Calcio € 83.528.218 non qualificato;
Pallacanestro € 7.093.860 non qualificato;
Atletica Leggera € 9.018.188 un bronzo e un caso di Doping;
Nuoto e tuffi € 10.384.085 due bronzi;
Ginnastica € 6.273.520 due bronzi;
Judo € 7.315.413 un bronzo;
Canottaggio 5.241.475 un argento;
Ciclismo € 7.858.300 un bronzo;
Tennis € 6.289.951 zero medaglie;
Equitazione/Vela/Sollevamento Pesi/Tennis Tavolo/Hockey/Pallamano/Triathlon ottengono complessivamente € 23.000.000 ca per zero medaglie.

Ma non finisce qui! Andate a pagina 94 del Bilancio d´Esercizio 2011 del Coni

http://www.coni.it/images/documenti/coni/CONI__Bilancio_esercizio_2011.pdf

e potete constatare che altre Federazioni, almeno a me sconosciute, ottengono contributi per € 3.500.000 (Dama, Scacchi, Bridge etc.). Ci sono poi le 18 Associazioni Benemerite (per chi?) € 700.000, i 13 Enti di Promozione Sportiva (uno ogni corrente politica!) fra cui il Cusi (Centro Universitario..)con i suoi € 2.859.556 , ed infine i 10 Gruppi Sportivi Militari con € 3.264.164. Visto che il 90% delle medaglie conquistate fa riferimento ad atleti tesserati per quest´ultimi mi vien da dire che sono i soldi meglio spesi, solo che questi atleti sono a libro paga nei Ministeri di competenza (ulteriori soldi dei contribuenti) senza svolgere alcun servizio.

Stabilire il rapporto qualità/prezzo non è certo il forte di chi abita in Casa Italia e del suo presidente!

Vi domanderete: e la Pallavolo? No, non me la sono dimenticata! La FIPAV nel 2011 ha goduto di € 8.089.358 in contributi ed il risultato? Bene, se i maschietti di Mauro Berruto hanno salvato la faccia con un buon bronzo, stessa cosa non si può dire delle girls di mister Barbolini che hanno certamente fatto una brutta figura.

Tutti coloro che prestano la loro volontaria opera nelle società che curano il settore femminile si sarebbero attesi qual cosina, se non molto, di più; anche perché ottenere un risultato di eccellenza in un evento come le Olimpiadi sarebbe stato un bellissimo spot pubblicitario per il nostro sport, richiamando l´attenzione e suscitare l´interesse di molti bambini e bambine.

Alla partenza Barbolini dichiara alla stampa "siamo in grande condizione" (anche la Lo Bianco?), "lotteremo con le grandi" poi dopo la disfatta con la Korea parla di "maledizione dei quarti di finale", di "atlete già adulte e formate"; anche il Ct azzurro ha il brutto vizio di non mettere mai in discussione se stesso e le sue scelte!

Ma chi è che gestisce da anni questa squadra? La scelta delle atlete è stata prettamente tecnica o a cos´altro dovuta? Perché la decisione di lasciare a casa gente come la Ortolani, Guiggi, Leonardi e Marcon che molto bene avevano fatto nei Club di appartenenza? Cambiare alla vigilia l´assetto tattico (senza opposto) non è stato un suicidio e non ha reso il nostro gioco scontato e prevedibile? Maledettamente deluso mi è venuto da pensare che anche l´organico della Nazionale fosse composto da una "casta" di intoccabili, ma sicuramente (me lo auguro) non è così (anche se il dubbio mi rimane)!.

Il quadriennio Olimpico è terminato e in autunno ci saranno le elezioni per il rinnovo dei quadri dirigenziali sia del Coni che delle Federazioni.

Nel Coni, un potentato con 2.300 stipendi a carico dei contribuenti, è già lotta senza esclusione di colpi (politici) per la successione.
Cambiamenti in vista? C嫏 poco da sperarci!
Ed infatti si parla di Pagnozzi, Malagò e Pancalli, cioè di gente che è lì da quasi vent´anni ed il che fa (malignamente) pensare che tutta rimarrà come prima.

E se poco o niente cambierà ai vertici del Coni, figuriamoci fra chi è al potere nelle Federazioni; coloro cioè che aspirano ad essere i successori dei successori, coloro che non hanno altro interesse se non al mantenimento del loro "poderino", coloro che hanno la sola intenzione, per meri motivi di convenienza, che tutto rimanga come prima.

"Tutti pensano a cambiare il mondo,ma nessuno pensa a cambiare se stesso." L.Tolstoj


Fonte: Petrini Gabriele

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di www.toscanasport.net e accedere ad alcuni servizi quali richieste di informazioni è necessario effettuare la registrazione al sito www.toscanasport.net
Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti ed eventuali offerte del settore sportivo esclusivamente dal nostro gruppo. I dati hanno lo scopo di poter fornire nome utente e password all´iscritto per poter pubblicare notizie sportive su toscanasport.net.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;

MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento intermini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi info@toscanasport.net. I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.

AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.

Titolare del trattamento di dati personali è Italiasport.net s.r.l., via Provinciale Francesca Nord n. 92 - 56020 Santa Maria a Monte (PI) - tel. 0587704012 / fax 0587949900, e-mail: info@italiasport.net. Responsabile designato è Marco Angiolini.
Per ulteriori informazioni:
info@italiasport.net
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio