Rettifica in merito a quanto scritto da me medesimo sull´articolo "L´onore delle armi" in merito al comportamento di Andrea Iannilli.

30-12-2013 21:47 -

Da un confronto con il nostro giocatore Andrea Iannilli, lo stesso ha dichiarato, che ad Empoli non era assolutamente nella condizione di alzarsi dal lettino dello spogliatoio e quindi non in grado di raggiungere la panchina per dare sostegno morale alla squadra con la sua presenza.
Nel rispetto della sua persona e nell´ambito di un rapporto di fiducia e di stima, che spero sia reciproca, mi scuso per quanto scritto nell´articolo in questione, precisando peraltro che non era opinione personale di un singolo (il sottoscritto) , ma l´idea che molti si erano fatti vedendo l´accaduto ed in mancanza di notizie ufficiali, che potessero smentire il comune pensare, quella era rimasta.
Concludo con una mia considerazione personale, che esula dal caso specifico , ma mira chiarire i dubbi futuri che potrebbero nascere sul mio operato.
Svolgo questa mansione, l´addetto stampa, non per professione, ma per la passione e per l´amore verso il basket piombinese e per lo sport in genere, cerco di non dare mai giudizi troppo tecnici, in quanto non mi ritengo, in piena umiltà, all´altezza di farlo, resto pur sempre un tifoso, magari un po´ più attento, ma sempre un tifoso, nei miei articoli cerco di non mettere mai mettere in croce un singolo e semmai in futuro qualcuno dovesse sentirsi criticato da me, seppur velatamente (come cerco ogni volta di fare, o almeno ci provo) sappia che la critica se accettata serenamente può solo far crescere e il diritto di replica è sempre ammesso, perché anche ammettere i propri errori fa crescere, io ci provo !!!


Fonte: Addetto Stampa Stefanini Stefano