cecina - perignano casciana 1-3

08-12-2013 20:58 -

PERIGNANO: UNA VITTORIA CHE RIMARRA´ NELLA STORIA

CECINA: Cionini, Cosimi, Vignale (73° Gheorghe), Camerini, Sandri, Ruffini, Lombardi, Bacci, Del Bono, Aquilante, Periccioli (87° Calandrino). A disp: Giuliani, Matteo, Campolmi, Ercoli, Bolognesi. All: Frolli.
PERIGNANO CASCIANA: Salvadori, Giari, Bertelli, Rombolini, Aliotta, Ceccarini A., Bonini (59° Salvadori), Monti, Farroni, Manzella (79° Ceccarini N.), Bartorelli (76° Valtriani). A disp: Rosato, Meini, Conti, Giusti. All: Natali.
Arbitro: Baronti di Pistoia.
Marcatori: 34° Manzella (P), 72° Periccioli (C), 92° Valtriani (P), 94° Salvadori (P).
Ammoniti: Ceccarini A., Manzella, Salvadori (P).
Recupero: pt 1 st 4
Allo stadio Rossetti di Cecina, tribune gremite e curva assordante grazie agli ultras locali, per una gara, che vedeva opposte due delle tre capo classifica del girone. Si respira aria di grande calcio, e il Perignano si trova subito a suo agio. Per tutto il primo tempo, gli uomini di mister Natali dominano l´incontro, e, nella ripresa agguantano una vittoria che solo chi ci crede fino alla fine può meritare di ottenere. La cronaca si apre al 20°, dopo che gli ospiti si erano resi pericolosi due volte con Bonini e con Monti, il Cecina sfiora il gol: Del Bono, lanciato in profondità, viene anticipato da Salvadori che rinvia con i piedi, la palla arriva ad Aquilante che da circa trenta metri ribatte a rete con un lungo pallonetto, la palla si infrange sul palo. Il Perignano sembra accusare il pericolo corso, ma pian piano torna ad essere padrone del campo e al 34° passa in vantaggio: Bonini va a ricever palla sulla tre quarti e parte in profondità, assist millimetrico sulla corsa di Manzella che, appena fuori area, si coordina e disegna una parabola con la quale insacca la palla all´incrocio dei pali trafiggendo l´incolpevole Cionini. Questa volta sono i padroni di casa ad accusare il colpo e il Perignano porta tranquillamente il vantaggio fino allo scadere della prima frazione. La ripresa vede il Cecina partire forte alla ricerca del pareggio e il Perignano è costretto alla difensiva, anche se la palla buona capita ancora agli ospiti con Bartorelli, tutto solo in area avversaria, spara alto. Al 52°, azione insistita sul vertice sinistro dell´area perignanese, Aquilante va al tiro, ma Salvadori si distende e devia in angolo. Il forcing dei padroni di casa si intensifica e dopo un paio di interventi risolutori di Salvadori, che devia in angolo i tiri da buona posizione degli avversari, il Cecina arriva al pareggio: è il 72° ancora Aquilante che dal limite spara a rete, palla che si impenna dopo aver sbattuto sul palo e Periccioli lesto a ribatterla a rete di testa. Raggiunto il pareggio il Cecina continua ad attaccare, ma ogni offensiva viene stoppata o dalla difesa o da Salvadori, e quando la gara sembra incanalata sul pareggio, e anche gli uomini di Frolli non hanno più la forza per cercare il gol, ecco che il Perignano da il colpo di coda. Siamo in pieno recupero, per l´esattezza al 92°, Farroni parte in contropiede, scambia con Salvadori e rimette al centro dove Valtriani arriva con perfetta scelta di tempo e devia in rete. Mancano meno di due minuti, il Cecina si riversa nella metà campo perignanese alla ricerca di un pareggio che fino a pochi secondi prima sembrava cosa fatta, ma non fa i conti con i cento polmoni di Rombolini, che recuperata palla parte ancora in contropiede, si fa tutto il campo e arrivato quasi sul fondo scarica su Salvadori che stoppa si gira e batte per la terza volta Cionini, facendo esplodere la gioia incontenibile di squadra, dirigenza e tifosi accorsi a Cecina. Vittoria quindi meritata sia per il gioco espresso sia per la mentalità con la quale la squadra ha affrontato questo difficile incontro, vittoria che proietta in vetta solitaria una squadra che fa del gruppo un arma in più, basti vedere come i ragazzi in panchina siano corsi a sommergere di abbracci i loro compagni in campo dopo i gol.


Fonte: Zanza