B1, LE ALI SPEZZATE

05-02-2012 15:15 -

REP PACKAGING EMPOLI - CT MACERI CASCIAVOLA 3-1
(parziali 25-18, 25-18, 18-25, 25-17)

CT Maceri Casciavola: Zuccarelli 4-23%, Bacciottini 2, Villani 9-28%, Torrini 3-43%, Bellettini 5-60%, De Bellis 14-39%, Toni (K) 6-31%, Castellano 2-17%, Guidi 12-41%, Ruffini 1, Ricoveri (L2), Bresciani (L) 73%-23%. All. Menicucci, II All. e scout Ficini, TM Nannipieri, Fisio Desideri.
Note: battuta pt 2, battuta err 4, muro pt 9, ricezione tot 89 err 4 63%-12%, attacco tot 133-35%. Durata set: 25´, 26´, 26´, 23´. Tot 1h 40´. Arbitri Brancati e Russo


Ci avevamo sperato, poi ci avevamo creduto.
Credevamo ormai di poter passare sopra ad ogni insidia.
Credevamo di aver raggiunto un livello tale di forza di carattere che unito alla crescita tecnica, non solo non ci avrebbe fatto perdere punti con le squadre umane, ma addirittura mai concesso la posta intera alle grandi.

E invece, nella gelida palestra di Empoli, il CT MACERI CASCIAVOLA trova la doccia fredda che la costringe a tornare a confrontarsi con le squadre normali se vuol sperare di trovare la strada giusta per la salvezza.
Stranamente la parte non riscaldata del campo sembrava toccare sempre alle nostre e mentre le avversarie sembravano molto toniche e attente a non lasciare niente, la nostra prova è stata di scarso valore agonistico, non siamo mai stati in partita, il set vinto sul due a zero è stato un demerito dell´avversario e non una nostra prova maiuscola, mentre in quelli persi i parziali sono sempre stati pesanti e abbiamo sempre rincorso da dietro.
Mister Menicucci le ha provate tutte con un valzer di cambi che potesse evitare la sconfitta, ma niente è servito per evitare il peggio. Evidentemente una partita nata male sulla quale dobbiamo immediatamente mettere una pietra sopra per dimenticare in fretta.
Dobbiamo invece immediatamente ricordarci che questa caduta non rovina assolutamente il buon cammino fatto fino a questo punto, che le ali spezzate che ora sembra non possano più sostenerci, possono tornare rapidamente in gran forza per portarci di nuovo lontano.
E inutile dire che questo esempio deve essere di sprone per i difficili impegni futuri, che ora tornano ad essere ogni singola partita.
Bisogna tornare ad impegnarsi con forza, allenarsi con sacrificio e affrontare le gare con grinta perché niente è scontato in questo campionato dove ogni incontro ha una sua storia, dove ogni avversario che pare abbordabile risulta poi troppo competitivo o dove un altro ritenuto imbattibile crolla con una facilità inaspettata. Qui si può vincere o perdere con tutti e questo motivo deve essere un allarme da monitorare costantemente per riuscire ad affrontare ogni gara con una totale determinazione. Pensiamo subito ai prossimi impegni, come la semifinale del provinciale Under 18 da affrontare martedì 7 dove potremo sfogare un poco di rabbia accumulata in questa ultima di campionato, dove il gruppo deve iniziare a ricaricare il coraggio per dimostrare che non esistono timori per il prossimo futuro e che nessun avversario spaventa.
Dobbiamo immediatamente tornare a pensare che niente è impossibile, dobbiamo tornare a credere che la nostra forza non ha limiti.


Fonte: D.T. - Ufficio stampa